Sci nordico, cos’è e come ci si prepara!

Sci nordico, cos’è e come ci si prepara!

Ecco le curiosità e le tips su come prepararsi allo sci nordico

Quando pensi allo sci, probabilmente ti viene in mente lo sci alpino (Alpine skiing). Ma c'è un altro stile che merita più attenzione. Si chiama sci di fondo, o sci nordico, ed è in realtà la forma originale e più antica di questo sport.

Lo sci nordico è nato in Norvegia, dove si è sviluppato per necessità. I norvegesi lo usavano come modo per attraversare terreni innevati per la caccia, la raccolta del legno e scopi sociali. A metà del 1800, è apparso per la prima volta come sport, con la prima gara che si è svolta nel 1842 in Norvegia. Lo sci nordico ha fatto il suo primo debutto olimpico ai Giochi invernali di Chamonix del 1924, mentre la versione femminile ha debuttato ai Giochi di Oslo del 1952.

Sebbene lo sci alpino ottenga la maggior parte della gloria e dell'hype al giorno d'oggi, sempre più persone si rivolgono allo sci nordico. Secondo la Outdoor Foundation, la popolarità dello sci nordico è cresciuta costantemente negli ultimi anni.

“Lo sci di fondo può essere praticato anche da persone con disabilità fisiche o visive. L'attrezzatura va adattata all'abilità funzionale dello sportivo, che può utilizzare normali sci, una slitta montata su sci o protesi ortopediche a seconda dei casi. Le persone affette da cecità o ipovisione possono sciare accompagnate da una guida che li precede sulla pista dando loro indicazioni sul percorso da seguire.

Lo sci di fondo è presente nel programma dei Giochi Paralimpici invernali sin dai I Giochi Paralimpici invernali tenutisi a Örnsköldsvik, in Svezia, nel 1976.”

Ci sono molte buone ragioni per questa rapida crescita. Per cominciare, è meno costoso dello sci alpino. A differenza di una giornata sulle piste, che potrebbe costarti più di 200€ con skipass e noleggio attrezzatura, puoi acquistare un pass e noleggiare l'attrezzatura per lo sci nordico per meno di 50€.

Oltre all'aspetto economico favorevole, lo sci nordico fornisce anche un allenamento cardio tonificante e stimolante, con un impatto minore sulle articolazioni rispetto allo sci alpino. Per favorire il recupero muscolare si consiglia l'utilizzo di K-MED, il primo antidolorifico ed anti infiammatorio biofisico.

1. Scegli la tua versione di sci nordico

Possiamo trovare due tipi di sci di fondo e sono molto diversi tra loro. Nello sci nordico classico, scivolerai su due piste parallele ed il movimento è abbastanza naturale: assomiglia molto a "camminare" sugli sci.

Lo skating invece richiede più velocità e più abilità. Si svolge su piste battute ed il movimento è più atletico e complesso. È noto come "stile v" e inizierai spingendo il bordo di uno sci nella neve, quindi trasferendo il peso del corpo sull'altro sci per spingerti in avanti.

Per i principianti è consigliato partire con lo sci nordico classico poiché è più facile da imparare dando alla persona una sensazione di maggior equilibrio e stabilità.

2. Vestiti correttamente

È qui che la maggior parte dei principianti fa il primo errore, molte persone si presentano allo sci nordico con i vestiti sbagliati, come quelli da discesa che sono troppo pesanti, ingombranti e caldi. Dal momento che ti farà battere il cuore rapidamente, il consiglio è quello di vestirsi come se stessimo andando a correre all'aperto, il che significa, stratificati!

La stratificazione è un ottimo modo per avere più libertà di movimento e ti consente di togliere dei capi nel caso l'attività ti portasse ad avere troppo caldo. Prova a sovrapporre un top a maniche lunghe con una giacca anti vento leggera e collant o pantaloni elasticizzati. Aggiungi un giubbotto isolante nel caso avessi troppo freddo.

3. Utilizza gli strumenti adatti

Ancora una volta, non avrai bisogno della stessa attrezzatura che indosseresti sulle piste da discesa. Scegli guanti, cappello e occhiali da sole leggeri. Puoi noleggiare scarponi, sci e bastoncini di alta qualità nei più comuni negozi sportivi nelle città italiane o direttamente vicino alle piste.

4. Prenditi del tempo per imparare il movimento corretto

Potresti essere tentato di affrontare le piste da solo fin da subito, ma è sempre meglio iniziare con un istruttore professionista che possa mostrarti come indossare correttamente gli scarponi e gli sci, descriverti il movimento corretto e offrirti suggerimenti per le sezioni in salita e in discesa.

E sebbene sia abbastanza intuitivo, è più complicato di quanto tu possa pensare. Mentre il movimento della falcata è solitamente abbastanza naturale (immagina di calciare una palla ogni volta che fai un passo avanti), non è semplicissimo trovare il ritmo e collegare i movimenti delle gambe con quelli delle braccia e del busto. Il consiglio è quindi quello di prendersi del tempo per capire bene tutte le dinamiche per non incorrere in spiacevoli sorprese o infortuni.

5. Non pensare troppo e divertiti!

Sembra scontato, ma ciò che veramente aiuta ad imparare il corretto svolgimento dello sci nordico è il non pensar troppo. Lascia che i tuoi sci scivolino sulla neve appena battuta, ammira lo splendido paesaggio circostante e senti il ​​tuo cuore battere. È un'attività eccellente per chiunque voglia fare un ottimo allenamento in un posto bellissimo - e davvero, chi non lo vuole?

NECK

IDEALE PER CERVICALE E SPALLE

30cm x 45cm

BACK

IDEALE PER SCHIENA E ARTI

60cm x 90cm

TOTAL

IDEALE PER TUTTO IL CORPO

120cm x 200cm

shop.kpet.it si servono di cookie e altre tecnologie per garantire siti affidabili e sicuri, misurare le loro performance, fornire un’esperienza d’acquisto personalizzata e pubblicità a tema. Per farlo raccogliamo dati relativi agli utenti, ai loro comportamenti e ai loro dispositivi.

Selezionando “Accetto”, l’utente acconsente a tale raccolta dati e ci autorizza a condividere queste informazioni con terzi, come i nostri partner di marketing. 

Per maggiori informazioni, si invita a leggere la nostra informativa sulla privacy.